Skip to content

La notte prima degli esami? In biblioteca col micio

02/02/2015

Per qualche giorno nella stagione delle prove finali le biblioteche delle Università di Buffalo, nello stato di New York, e di Emory, in Georgia, ospitano, oltre che i libri, anche animali domestici con cui i ragazzi possono distrarsi tra una tesina e l’altra. A Yale e Harvard, gli studenti possono prendere in prestito un cane per qualche ora di compagnia. A Tufts University, in Massachusetts, i cuccioli, rigorosamente addestrati, vanno a farsi accarezzare anche nei dormitori.

“La nostra iniziativa è stata ricevuta in maniera fantastica – dice Bess Pierce, direttrice del Center for Animal Human Relationships (CENTAUR) presso il Virginia-Maryland College of Veterinary Medicine, un istituto condiviso da University of Maryland e da Virginia Tech – Lo vedi dalle facce degli studenti, che si illuminano quando vedono i nostri cuccioli”. CENTAUR porta avanti una serie di programmi che si fondano sull’uso della pet therapy, ad esempio per rallegrare l’umore degli anziani che sono ricoverati in casa di cura e rasserenare gli iscritti di Virginia Tech, ateneo diventato famoso nel 2007 per la carneficina compiuta dallo studente all’ultimo anno Seung-Hui Cho, che uccise 32 persone a colpi di pistola.

All’evento inaugurale di quest’anno, racconta Pierce, quando le coppie, tutte certificate, di istruttori e cani (e due gatti) si sono installate nella biblioteca dell’università, ha dato loro il benvenuto una folla di duecento giovani. “Tra le altre cose, questi animali funzionano anche da fondamentale ponte per le relazioni interpersonali, perché avvicinano gli studenti l’uno all’altro – dice Pierce – Ragazzi che altrimenti non si rivolgerebbero la parola si trovano a interagire attraverso di essi”.

Gli esperti sostengono che il contatto uomo-animale allevi sia lo stress sia la solitudine, un problema di cui soffrono in particolare le matricole appena arrivate al college. “Sentiamo spesso raccontare dai ragazzi di come sia stato difficile lasciare a casa gli animali domestici con cui sono cresciuti”, dice Pierce. Ma avere un cane o un gatto all’università è cosa assai costosa, sia dal punto di vista dei soldi sia del tempo. Secondo alcune stime, la spesa media annuale per mantenere un cane va dai quasi 800 dollari agli oltre 10.000, non una cifra risibile per ventenni squattrinati. E non va sottostimata nemmeno la cura quotidiana di cui essi hanno bisogno, un impegno non da poco per persone con orari irregolari e che vivono in dormitori o appartamenti condivisi che non sono adeguatamente attrezzati. “È difficile avere animali domestici e talvolta non è una buona idea nemmeno quando uno pensa davvero di volerlo – dice Pierce – Con la nostra iniziativa offriamo l’opportunità agli studenti di accedere comunque ai benefici di tale esperienza, in maniera però che non sia nociva agli animali e insostenibile per i padroni”.

L’evidenza scientifica sui benefici dell’interazione tra uomini e animali è in realtà ancora relativamente scarsa, giacché…su IlBo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...