Skip to content

Erasmus, l’Italia non ha più appeal

07/08/2014

Sono stati pubblicati a metà luglio dalla Commissione europea i dati più recenti sulla mobilità degli studenti e sul programma Erasmus. Nell’anno accademico 2012-2013, quasi 270.000 giovani europei vi hanno partecipato, un nuovo record e un aumento del 6% circa rispetto all’anno precedente. Le destinazioni più popolari sono state, in ordine, la Spagna, la Germania, la Francia e il Regno Unito. Solo quinta l’Italia, che ha ospitato un po’ meno di 20.000 universitari, per altro in leggero calo sul 2011-2012, contro i 30.000 di Germania e Francia e gli oltre 40.000 della Spagna. Il nostro paese ha attratto meno del doppio di studenti stranieri dei tre che lo seguono in classifica, ovvero Svezia, Polonia e Olanda (attestatesi appena sopra i 10.000), tutte nazioni dalle dimensioni decisamente inferiori.

“Gli ultimi dati mostrano che la distribuzione non è cambiata molto negli ultimi anni – dice Stefano Chessa, professore presso il dipartimento di scienze umanistiche e sociali dell’università di Sassari – In linea generale non c’è dubbio che si può fare meglio”.

Al di là delle preferenze individuali dei singoli studenti, Chessa identifica tre fattori che, almeno per il momento, rendono l’Italia meno attraente di quanto potrebbe essere altrimenti: la continua arretratezza del paese quanto all’offerta di corsi di studio in lingua inglese; la tendenza della mobilità universitaria a svilupparsi su corridoi culturalmente, e non solo linguisticamente, omogenei – a significare che l’Italia scambia la stragrande parte dei propri studenti internazionali con Spagna e Francia; e il contesto politico-economico con, da un lato, il costo relativamente elevato della vita in Italia e, dall’altro, l’assenza di politiche sociali rivolte agli stranieri altrettanto estese in altri paesi, come ad esempio la Francia, che hanno una storia di più lungo periodo con l’immigrazione.

Sulla questione centrale dell’adozione dell’inglese, l’Italia soffre a questo punto non solo della competizione dei paesi madrelingua e di quelli dell’Europa settentrionale, che da anni ormai hanno strutturato tanti corsi di laurea in questo senso, ma anche di nazioni dell’Est europeo. Citando l’esempio dell’Ungheria, Chessa spiega: “Nel momento in cui l’Ungheria ha sentito l’urgenza di entrare a pieno titolo nella UE, ha investito molto sul piano della internazionalizzazione, di più che i paesi fondatori”. In Italia, nel frattempo, rimane il problema non solo della scarsa competenza linguistica con l’inglese da parte del corpo docente, ma anche di una forte opposizione ideologica a impiegare questa lingua in maniera diffusa, un approccio che si riflette anche nel dibattito sulle pubblicazioni universitarie.

Le responsabilità rispetto alla prestazione italiana in fatto di mobilità internazionale degli studenti non sono però solo degli…Prosegue su IlBo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...