Skip to content

Starbucks, laurearsi non è facile come bere un caffè

17/07/2014

Avendo ormai in pugno il settore mondiale dell’espresso e del cappuccino, Starbucks ha deciso ora di avventurarsi anche in quello dell’università. La catena americana del caffè ha infatti annunciato a giugno di voler sostenere finanziariamente gli sforzi di quei dipendenti che decidono di proseguire i propri studi parallelamente al lavoro, rimborsandoli delle tasse d’iscrizione, o tuition, che, negli Stati Uniti, sono in crescita esponenziale. “Non c’è dubbio, la disuguaglianza all’interno del nostro Paese ha creato una situazione in cui tanti americani vengono lasciati indietro – ha dichiarato il proprietario di Starbucks Howard Schultz in un comunicato stampa di presentazione dell’iniziativa – La domanda che ci dobbiamo porre noi è se accettare questa realtà o se provare a cambiarla”.

Non è però tutto oro quel che luccica e, man mano che sono emersi i dettagli di questo programma, se ne sono palesati anche i tanti difetti. Tanto da far venire il dubbio che questa sia più un’astuta mossa di pubbliche relazioni da parte dell’azienda che un’idea che aiuterà davvero i suoi lavoratori. “Di certo ha delle limitazioni – dice Rachel Fishman, ricercatrice nel programma sull’educazione della New America Foundation a Washington D.C. – Non è la panacea che tutti credevano inizialmente”.

Innanzitutto, Starbucks sosterrà solo i costi di quei dipendenti che sono già al terzo o quarto anno di studi. Inoltre, i contributi dell’azienda avranno la forma di un rimborso, che sarà effettuato solo dopo che i lavoratori-studenti al terzo anno avranno completato un determinato numero di crediti, oggi fissato a 21. Questo significa che i beneficiari dell’iniziativa dovranno, prima di ricevere qualunque benefit, sborsare di tasca propria i soldi per i primi due anni di università, e per i corsi del terzo anno necessari a raggiungere la soglia minima di crediti imposta da Starbucks prima che scatti il rimborso. “Il programma è utile solo a chi sta cercando di completare una laurea già iniziata – dice Fishman – È senz’altro una di quelle situazioni in cui è meglio leggere tutte le virgole prima di firmare il contratto”. Il sistema funziona, altrimenti, solo per chi ha un reddito, almeno nei primi due anni, sufficientemente basso da garantire le borse di studio distribuite dal governo federale, in particolare i cosiddetti Pell Grant.

L’offerta presenta poi una seconda caratteristica piuttosto dubbia. È infatti strutturata attraverso una partnership esclusiva con l’Arizona State University, e chi vi partecipa è obbligato a frequentare i suoi corsi, ma neanche tutti, solo quelli online. Per parte sua, ASU offre ai dipendenti di Starbucks uno sconto notevole sui circa 15.000 dollari di tuition (nella forma di una borsa di studio) per i primi due anni di lezioni. “Proprio così, l’azienda che offre ai clienti 87.000 combinazioni possibili quando questi devono ordinare una bevanda calda, non offre alcuna scelta ai propri dipendenti quanto a dove e come studiare”, scrive Sara Goldrick-Rab, professore associato di Politiche dell’educazione e Sociologia all’Università del Wisconsin-Madison, sul blog TheEduOptmists.

“Penso la debolezza maggiore dell’iniziativa di Starbucks sia proprio che non permette agli studenti di scegliere l’istituzione che preferiscono”, dice Fishman. Tra le altre cose, questo significa che i partecipanti sono costretti a…Prosegue su IlBo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...