Skip to content

Proibizionismo, le ultime roccaforti degli Usa

03/03/2014

Da Washington

Negli Usa ancora oggi circa 18 milioni di persone vivono i località dove esistono restrizioni sulla vendita e il consumo di alcolici.(© Getty Images) Negli Usa ancora oggi circa 18 milioni di persone vivono i località dove esistono restrizioni sulla vendita e il consumo di alcolici.

Se Colorado e Washington stanno sperimentando da qualche mese la legalizzazione della marijuana, c’è chi, negli Stati Uniti, non ha ancora del tutto digerito nemmeno quella che riguarda gli alcolici.
Nella cittadina di Bridgewater in Connecticut, per esempio, rimane in vigore il divieto di venderli al pubblico: un’usanza che ha tanto il sapore dei lontani Anni 20.
I DIKTAT DEL PROIBIZIONISMO. Fu, infatti, esattamente nel 1920 che prese il via l’interdizione federale alla vendita, produzione, importazione e trasporto di bevande alcoliche su scala nazionale. Questo periodo della storia americana, noto con il nome di proibizionismo, durò fino all’abrogazione nel 1933 attraverso il 18esimo Emendamento che vi aveva dato inizio.
IL 10% DEGLI USA È «DRY». In quell’anno però, centinaia di comunità sparse per il Paese, ma concentrate soprattutto nel Sud tradizionalmente più religioso e conservatore, decisero di mantenere in vita i propri divieti locali, rimanendo così «dry» (letteralmente asciutte) come dicono gli americani.
Circa 18 milioni di persone vivono oggi nel 10% del territorio del Paese in cui la vendita degli alcolici è proibita: in alcune contee del Mississippi è addirittura vietato trasportarli, anche a chi le attraversa senza fermarsi.
Alabama, Kentucky e Texas sono gli altri Stati in cui il proibizionismo è tutt’oggi più in voga.
MERCATO ILLEGALE DELL’ALCOL. Poi c’è Bridgewater, che con i suoi 1.700 abitanti è l’unica cittadina ancora «dry» di tutto il Connecticut. Non vi sono quindi né bar né negozi di alcolici in questa enclave pittoresca a 100 chilometri circa da New York, anche se sono spuntati nei garage della zona locali illegali e fa niente se vino, birra e liquori sono facilmente acquistabili nei paesi vicini.

  • La cartina illustra l’atteggiamento degli Usa verso l’alcol. In blu le zone dove l’alcon non è proibiti; in giallo quelle dove ci sono politiche restrittive, in rosso le aree dove ci sono restrizioni. In grigio le zone che non hanno comunicato i dati (Fonte: Bbc).

L’economia rischia il crac perché la gente preferisce scappare

Bridgewater è una cittadina di 1.898 abitanti nello  Stato del Connecticut.Bridgewater è una cittadina di 1.898 abitanti nello Stato del Connecticut.

I residenti si trovano quindi a fare i conti con le conseguenze di una scelta fatta 81 anni fa: con un reddito medio di circa 100 mila dollari l’anno e abitanti del calibro di Mia Farrow, Bridgewater ha una popolazione dall’età media di oltre 50 anni, non è più in grado di attrarre giovani, ha già perso le sue due filiali bancarie per mancanza di clienti e rischia ora di dover far chiudere i battenti anche all’unica scuola.
UNO STIMOLO ALLA CRESCITA. Su questo sfondo di benessere stagnante, due imprenditori di Bridgewater – Peter May e Bill Holland – hanno recentemente fatto sapere di voler aprire un pub e un ristorante. Ma hanno spiegato di voler procedere solo se il Comune concederà loro…Prosegue su Lettera43

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...