Skip to content

Università Usa: la precarietà diventa permanente

26/11/2013

Per i giovani italiani la carriera accademica è ormai da anni pressoché un miraggio. Ma anche nella terra promessa americana, dove fuggono tanti ricercatori del nostro paese all’inseguimento di un futuro dignitoso, le cose si stanno mettendo al peggio. Nella generalizzata atmosfera di austerità che si respira oggi, per cui in ormai tutti campi l’accento è posto sull’implacabile taglio dei costi – a partire dalle risorse umane – il sistema universitario degli Stati uniti è sempre più dipendente dallo sfruttamento economico dei cosiddetti “adjunct professors”, i professori a contratto. A costoro, che non solo non sono di ruolo ma non hanno quasi nessuna chance di diventarlo, non è dovuto né un salario né un inquadramento contrattuale omogenei, e neppure dei benefit predefiniti o alcuna garanzia sulla sicurezza del posto di lavoro. Per loro c’è soltanto quanto previsto dal contratto, rigorosamente individuale e diverso per ognuno, che firmano al momento dell’assunzione. Il che li rende più appetibili dei colleghi associati o detentori di cattedra per le dirigenze delle università in crisi, o più semplicemente di manica corta.

Dati raccolti su base volontaria dal sito Adjunct Project, che invita i professori a contratto di tutto il paese a condividere informazioni sui propri stipendi, rivelano che, in media, questa categoria di docenti universitari guadagna 2.700 dollari per corso, contro i 167.118 dollari l’anno guadagnati dai professori di ruolo delle università private e i 123.393 dollari dei colleghi delle università pubbliche. Siccome è umanamente impossibile insegnare in più di quattro, cinque corsi a semestre (e in tanti ne tengono meno), questa cifra si traduce in redditi annuali di 20-30.000 dollari l’anno al massimo, almeno per chi svolge questo lavoro a tempo pieno. Una somma nella migliore delle ipotesi pari rispettivamente a un quarto o un quinto di quella dovuta ai colleghi di ruolo. Questa  situazione, che a livello economico di fatto è insostenibile, riguarda un numero sempre maggiore di individui.  Secondo il più recente “Rapporto annuale sullo stato economico della professione” dell’American Association of Univeristy Professors (Aaup), infatti, meno del 24% di docenti universitari è composto da professori assunti e ben il 76% da professori a contratto.

L’ideatore dell’Adjunct Project, oggi sostenuto anche dalChronicle of Higher Education, è proprio uno di loro. “Ho cominciato a lavorare come professore a contratto circa tre anni fa mentre perseguivo il mio Master in Letteratura Inglese presso la Eastern Kentucky University – dice il trentatreenne Joshua Boldt, che ora tiene corsi di scrittura presso la University of Georgia e collabora da giornalista con numerose testate che si occupano di istruzione – Di recente però ho deciso di ridurre la mia attività di insegnamento visto che guadagno di più a scrivere”. Considerato quanto è redditizio il giornalismo oggi, la sua scelta la dice tutta sulle condizioni in cui versa il settore accademico americano. E Boldt si può considerare tra i fortunati. l’University of Georgia gli ha fatto un contratto annuale da 32.000 dollari: approssimativamente il doppio di quello che guadagnava nella Eastern Kentucky University, anche se l’assicurazione sanitaria deve continuare a pagarsela da solo.

Una condizione di per sé difficile, ma che si fa ancora più insopportabile se si considera che questa strada non porta da nessuna parte a livello professionale.  “L’idea che molti giovani hanno è di rimanere a contratto per un paio d’anni prima di essere assunti per una carriera accademica vera e propria – spiega Boldt – in realtà si finisce spesso per insegnare per 30 anni nello stesso posto senza mai ottenere un aumento o una promozione, perché le università non assumono quasi mai i propri adjunct”.

Se questo trend è cominciato già negli anni Settanta, non c’è dubbio che sia di molto accelerato nell’ultimo decennio e in particolare durante la recessione degli anni scorsi. “Si tratta in parte di una reazione al taglio dei budget, con le università sia pubbliche sia private che hanno scelto di ridurre drasticamente i costi dell’insegnamento” afferma John Curtis, Direttore per la ricerca presso l’Aaup e tra gli autori del rapporto annuale pubblicato dall’associazione. Una scelta voluta e non necessariamente forzata dalle circostanze. Tant’è, dice Curtis, che il personale amministrativo universitario è andato invece…Prosegue su Il Bo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...