Skip to content

Stati Uniti: la scuola pubblica trova nuovi difensori

18/10/2013

Negli Stati Uniti, la scuola pubblica è ormai da tempo tra i bersagli preferiti sia della destra sia della sinistra riformista. Il ritornello è sempre lo stesso: insegnanti che non hanno voglia di lavorare perché hanno il posto di lavoro garantito da contratti sindacali blindati; rigidità burocratiche che ostacolano l’iniziativa personale di amministratori e docenti; performance degli studenti in continuo declino. E così i giovani americani sono battuti esame dopo esame dai più disciplinati e meglio preparati colleghi cinesi e coreani, sicuro presagio, secondo i critici, della fine dell’egemonia globale degli Stati Uniti. Argomentazioni puntualmente riassunte da Paul Peterson, professore della Harvard University e co-autore di un libretto, pubblicato a giugno da Brookings Institution, sul pessimo stato delle scuole pubbliche americane

Sullo sfondo di questa visione ormai pressoché bipartisan, arriva come una ventata d’aria fresca il più recente libro di Diane Ravitch, Reign of Error: The Hoax of the Privatization Movement and the Danger to America’s Public Schools, una vigorosa e documentata difesa dell’istruzione pubblica. “Le scuole pubbliche del nostro Paese sono state un potente motore di opportunità e uguaglianza – scrive Ravitch – e continuano a esserlo tutt’oggi”.

La scuola pubblica Usa trova in Ravitch un alfiere quanto mai inaspettato. Considerata tra i massimi esperti del settore, questa professoressa della New York University si è fatta le ossa nei primi anni Novanta lavorando nel dipartimento dell’Istruzione per l’amministrazione dell’allora presidente repubblicano George H. W. Bush. E in quel ruolo fu convinta promotrice dell’agenda di liberalizzazione e privatizzazione della scuola pubblica, che all’epoca le appariva avviata sulla strada di un declino irreversibile.

Ma proprio mentre, nei due decenni successivi, tanti suoi colleghi così come un gran numero di politici sia repubblicani sia democratici (tra cui anche il presidente Barack Obama e il suo segretario all’Istruzione Arne Duncan) facevano propria su questo tema la filosofia del liberismo, Ravitch rivedeva completamente le proprie posizioni. Nuovi dati l’hanno infatti convinta che le scuole pubbliche funzionano bene nella maggioranza dei casi, garantendo una percentuale sempre più alta di ragazzi che ottengono un diploma di scuola superiore e preparando con successo gli studenti su un curriculum sempre più vasto e complesso. Anche la presunta disfatta dei giovani americani nelle competizioni internazionali è più mito che realtà, sostiene Ravitch, e dipende tutta da che tipo di test e di risultati si sceglie di prendere in considerazione.

Il dietro-front ufficiale di Ravitch è avvenuto nel 2010 con la pubblicazione del controverso “The Death and Life of the Great American School System: How Testing and Choice Are Undermining Education”, in cui la studiosa si scaglia contro l’ossessione per i test a scelta multipla e la standardizzazione dei voti, introdotti per  permettere paragoni più semplici fra una scuola e l’altra, un insegnante e l’altro, uno studente e l’altro. Una vera e propria mania, dice Ravitch, che ha costretto i docenti, pena il licenziamento, a insegnare con il solo obiettivo di preparare gli studenti a esami molto banalizzati. Ricetta sicura per un’educazione superficiale, che trascura ogni approfondimento e ignora una serie di discipline fondamentali allo sviluppo dei giovani ma difficili da quantificare, dalla letteratura all’arte alla musica.

In Reign of Error, Ravitch affina ulteriormente la propria critica, mirando direttamente al cuore del problema. “Ovvio ci sono alcune scuole e distretti che hanno performance deplorevoli – scrive Ravitch – La maggior parte di questi hanno due caratteristiche in comune: povertà e alte concentrazioni di minoranze etniche”. I bambini che nascono in famiglie con mezzi limitati (che negli Stati Uniti sono ancora, in misura assolutamente sproporzionata, afro-americane), ricevono attenzioni mediche minori, si nutrono peggio, sono poco seguiti a casa e soffrono di maggiore stress. Quelli poi che nascono da genitori recentemente immigrati, che non parlano bene inglese e non conoscono il sistema americano da vicino, partono ulteriormente svantaggiati rispetto ai colleghi bianchi.

In questi casi, la scuola pubblica ha bisogno di ricevere più, e non meno risorse: per garantire un…Prosegue su Il Bo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...