Skip to content

Grecia: università? Per l’Fmi si può farne a meno

30/09/2013

Le università greche sono sull’orlo del collasso, e rischiano di diventare la vittima più illustre dell’ennesimo giro di vita finanziario imposto dai guardiani dell’austerità che regolarmente calano su Atene dall’Unione europea, dalla Banca centrale europea e dal Fondo monetario internazionale. La troika di autorità internazionali incaricata di gestire il piano di salvataggio economico della Grecia chiede infatti ora al paese di ridurre drasticamente i dipendenti pubblici. Nello specifico, il governo deve liberarsi di 25.000 funzionari entro la fine dell’anno, spostandoli in una “riserva strategica”, mettendoli in mobilità a stipendio ridotto o licenziandoli. Di questi, pare che la metà sarà prelevata dal personale amministrativo universitario: chi lavora nelle biblioteche, nei laboratori di ricerca e a sostegno del corpo docente.

I tagli di personale hanno già messo in ginocchio gli atenei greci. L’università di Atene e altre a Tessalonica, Patrasso, Ioannina e Creta hanno chiuso temporaneamente i battenti, annunciando di non essere più in grado di garantire il proprio funzionamento. Il presidente della Federazione docenti universitari Stathis Efstathopoulos ha dichiarato in una lettera indirizzata al primo ministro greco Antonis Samaras: “Anche se si accetta l’idea che abbiamo personale in eccesso, non possiamo, da un giorno all’altro, operare con uno staff ridotto del 40%.”

Il grido d’allarme lanciato da Efstathopoulos va dritto al cuore del problema. Secondo gli esperti, il settore dell’istruzione, come tanti altri in Grecia, soffre da tempo di gravi problemi strutturali, causati soprattutto da rovinose politiche populiste e lotte partitiche, e ha bisogno urgente di essere riformato. Ma il ritmo e la profondità dei tagli imposti al governo greco dalla comunità internazionale indeboliscono gli sforzi seri di riforma e rischiano di provocare il collasso generalizzato degli atenei, mettendo ulteriormente a repentaglio la già mediocre qualità dell’insegnamento e della ricerca.

“Da ormai troppo tempo le università greche sono assoggettate a interessi partitici – dice Yannis Ioannides, professore presso la Tufts University a Boston e impegnato anche sul fronte delle riforme universitarie in Grecia – Certo, alcuni dipartimenti riescono ancora a operare in maniera dignitosa, ma in generale le funzioni accademiche sono state a lungo ignorate a favore di lotte di potere e calcoli politici”.

La questione non è affatto marginale, tanto che ci sono ormai solo due università greche fra le 500 migliori al mondo, entrambe classificate tra la 480esima e la 500esima posizione. Inoltre, la Grecia produce pochissima ricerca di alto livello, è afflitta da una considerevole fuga di cervelli – con i suoi professori e ricercatori migliori impiegati all’estero – e fatica a dare lavoro a tanti dei propri laureati. Problemi che anche l’Italia conosce.

Vari tentativi di riforma portati avanti negli ultimi anni si sono infranti contro la dura opposizione di quei gruppi che hanno interesse a proteggere lo status-quo, in particolare i rettorati, alcune frange del corpo docente e i rappresentanti eletti dagli studenti, che sono spesso legati ai partiti e non fanno altro che ritrasmetterne il messaggio.

A questa situazione, già difficile, si è aggiunta la crisi economica e infine l’austerità. Una combinazione dal potenziale esplosivo. I fondi pubblici stanziati per le università sono stati tagliati del 50%, i già bassi stipendi dei professori del 40%. Di nuove assunzioni non se ne parla proprio, e ora gli atenei sono costretti a privarsi di migliaia di dipendenti. “I tagli sono in un certo senso una necessità, ma l’austerity fa male – dice Ioannides – Avrebbe dovuto avvenire più lentamente e gradualmente, per dare modo al paese di adattarvisi”. Quest’ultima riduzione del personale amministrativo, aggiunge poi, “è un po’ come mettere il carro davanti ai buoi.” La riorganizzazione del sistema universitario andrebbe pensata in maniera complessiva e con un progetto di lungo periodo, piuttosto che raffazzonata in pochi mesi e affidata ai soli tagli.

La situazione insomma è delle più drammatiche e le prospettive sono desolanti. “La completa mancanza di fondi oggi rischia di impedire qualsiasi riforma seria – spiega Costas Meghir, un economista greco che insegna alla Yale University e si occupa di lavoro e istruzione – Mi chiedo spesso cosa sarebbe accaduto se…Prosegue su Il Bo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...