Skip to content

Esami difficili? Negli Stati Uniti ‘basta’ una pillola

30/06/2013

Se gli studenti delle scuole superiori italiane sono alle prese in questi giorni con gli esami di maturità e gli universitari sono ripiegati sui libri in vista della sessione estiva, i loro colleghi americani – per i quali l’anno scolastico e accademico termina generalmente a maggio – si stanno riprendendo ora dalle fatiche di fine semestre, quello sprint finale di notti in bianco che solitamente precede le ultime prove prima dell’arrivo dell’estate. Per molti ragazzi negli Stati Uniti, però, questa non è semplicemente l’occasione tanto attesa di recuperare il sonno perduto, ma anche il momento più opportuno per ripulire il proprio corpo da tutti i medicinali assunti impropriamente nell’ultimo periodo per far fronte con successo alla mole di lavoro e battere la competizione. Pare infatti che, a seconda dei sondaggi che si sceglie di consultare, tra il 5% e il 35% di studenti di high school e college usi e abusi pillole stimolanti, prescritte dal medico per altri ragioni, nella speranza di migliorare i propri voti e la propria performance accademica.

In gran parte, si tratta dei farmaci – diffusissimi – sviluppati per curare la “sindrome da deficit di attenzione e iperattività”, in inglese “Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder” o “Adhd”.

“Il numero complessivo di diagnosi da Adhd è cresciuto in maniera graduale durante gli ultimi 20 anni”, spiega William Graf, neurologo infantile dell’università di Yale. “Le ragioni plausibili sono tante e includono cambiamenti effettivi nei bambini, che fanno meno attività fisica, dormono un numero di ore insufficienti o passano troppo tempo davanti a schermi elettronici; migliori sistemi diagnostici che rilevano il disturbo anche in soggetti che un tempo sarebbero passati inosservati; una maggiore accettazione sociale di questo problema, conseguenza anche degli sforzi dell’industria farmaceutica di pubblicizzarlo e commercializzarlo; ma anche la simulazione da parte di alcuni pazienti dei sintomi dell’Adhd per giustificare l’abuso di medicine stimolanti nella speranza di migliorare le proprie capacità cerebrali”.

Il motivo? Ai soggetti che soffrono di Adhd vengono solitamente prescritti dei farmaci stimolanti (alcuni dei quali contengono anfetamine e altri metilfenidato). In America i più noti sono l’Adderall e il Ritalin. Un rapporto del 2012 della società di ricerca Ims Health stima che le vendite per questa categoria di medicinali sono praticamente raddoppiate tra il 2007 e il 2011, passando da un valore di 4 miliardi di dollari a 7,9 miliardi di dollari.

Dato il gran numero di “farmaci intelligenti” oggi in circolazione, gli studenti che non soffrono di Adhd impiegano due strategie diverse per mettere le mani su questi medicinali a fini “accademici”…

Prosegue su Il Bo dell’Università di Padova

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...