Skip to content

Kabul, la rete delle donne

25/05/2012

Un ultimo pezzo dall’Afghanistan per Lettera43, sul primo Internet cafe per sole donne di Kabul:

Zakira Behzad at the Sahar Gul Internet Cafe

Zakira Behzad at the Sahar Gul Internet Cafe

Il 27 dicembre 2011, mentre il mondo si preparava a celebrare l’arrivo del nuovo anno, nella provincia di Baghlan, nell’Afghanistan settentrionale, la 15enne Sahar Gul, data in sposa dai genitori contro la sua volontà per ripagare un debito di gioco, fu ritrovata dalla polizia afgana nello scantinato dei suoceri, dove era stata rinchiusa, privata di cibo e torturata per cinque mesi come punizione per il suo rifiuto a prostituirsi.
Dopo settimane passate in ospedale in stato di choc, Sahar è stata recentemente trasferita in un rifugio per donne vittime di violenza, dove – si spera – potrà proseguire nel lungo percorso di convalescenza.
L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE KARZAI. Il suo caso, senza precedenti persino nell’Afghanistan della Sharia, ha suscitato grande clamore, tanto da provocare l’intervento del Presidente Hamid Karzai, che ha insistito affinché la polizia – solita abbandonare indagini di questo genere – portasse avanti la propria inchiesta. E ha condotto alla cattura della suocera e della cognata di Gul, condannate a 10 anni di galera per averla picchiata, strappandole unghie e capelli e spegnendole addosso mozziconi di sigarette (marito e suocero sono ancora in fuga).
La vicenda ha fatto di Sahar Gul il simbolo della difficile condizione delle donne afghane, in un Paese che a quasi 11 anni dalla cacciata dei talebani cerca faticosamente di ritrovare una direzione.

Da metà marzo, a Gul è intitolato anche il primo e unico Internet cafè per sole donne di Kabul, al piano ammezzato di un edificio commerciale nel quartiere di Kart-e-char, nei pressi della zona universitaria. «In questo spazio c’è un senso di libertà per la nostra generazione», racconta aLettera43.it Zakira Behzad, una studentessa 22enne arrivata all’Internet cafè per la prima volta su consiglio di compagne di studio.

Per continuare a leggere, cliccate su questo link.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...