Skip to content

Vogliamoci bene – il Presidente Monti e il Ministro Terzi vanno a Washington

09/02/2012

Giovedì è stata la giornata d’oro dell’Italia in America, con la visita ufficiale del Presidente Mario Monti e del Ministro degli Esteri Giulio Terzi a Washington (saranno venerdì a New York).

Monti ha incontrato il Presidente Barack Obama e il Presidente della Camera John Boehner. Ha tenuto una conferenza stampa all’Ambasciata e un intervento anche presso il Peterson Institute for International Economics. Nel frattempo, Terzi ha incontrato il Segretario di Stato Hillary Clinton al dipartimento di Stato.

La visita, da quello che si evince dai commenti dei partecipanti, è stata tutta un reciprocare di complimenti e testimonianze di stima  (non c’è dubbio che, anche negli Stati Uniti, l’arrivo di Monti anzichè di Silvio Berlusconi abbia suscitato più di un sospiro di sollievo).

I rappresentanti del governo degli Stati Uniti hanno detto tutti, in un modo o nell’altro, di avere grande fiducia nell’Italia e nella capacità del paese e del popolo italiano di superare il momento difficile che stanno attraversando al momento. Si è naturalmente parlato di Grecia, di crisi dell’Eurozona e del futuro dell’Unione Europea, a cui i vertici americani tengono, ma su cui, come già dimostrato nei mesi passati, non hanno intenzione di muoversi più di tanto. Il governo americano chiede poi l’aiuto italiano sul fronte delle politiche di sicurezza nel Mediterraneo e vicino Oriente, a partire dalla Libia passando per la Siria e per finire con l’Iran.

Dietro le righe, due sono, però, le questioni cruciali emerse dalla visita di Monti e Terzi a Washington.

Innanzitutto si fa fatica a immaginare cosa ne sarebbe dei rapporti USA-Italia se l’Unione Europea dovesse cessare di esistere. La cornice politica, economica e filosofica in cui si sono svolti gli incontri bilaterali ha tutto a che vedere con la posizione dell’Italia come membro della UE. E, già così, il tempo dedicato dagli ufficiali del governo americano ai nostri rappresentanti è stato abbastanza ridotto se confrontato con le attenzioni solitamente riservate per Cameron, Sarkozy e Merkel, per non parlare poi delle cene di stato organizzate in occasione delle visite dei leader cinesi e indiani.

In secondo luogo, sta crescendo in America il coro di voci, anche molto prominenti, che sostiene che l’impatto sugli Stati Uniti della crisi nell’Eurozona potrebbe non essere così potenzialmente devastante come si temeva inizialmente. Si veda, ad esempio, la lenta crescita dell’economia americana registrata nelle ultime settimane, mentre l’emergenza Grecia continua a impazzare nel vecchio continente. Addirittura, c’è chi sostiene che la risposta particolarmente macchinosa che i vertici europei hanno dato alla crisi, il fatto che si stia procedendo passettino per passettino senza però arrivare a un piano per il lungo periodo, ha permesso agli agenti finanziari e economici americani di creare delle barriere sempre più robuste che li proteggano da un’eventuale collasso della moneta unica (fra le altre strategie, investitori e imprenditori d’oltre oceano hanno ridotto la propria esposizione a, e quindi anche la propria presenza in Europa).

Insomma, i tempi si stringono se l’Unione Europea, e l’Italia con essa, vogliono rimanere rilevanti agli occhi degli Stati Uniti.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Anita permalink
    10/02/2012 04:11

    Molto, molto interressante. Sottolineare la questione cruciale al di là del successo dela visita:
    “Dietro le righe, ……..però, le questioni cruciali emerse dalla visita di Monti e Terzi a Washington.
    ……………….. si fa fatica a immaginare cosa ne sarebbe dei rapporti USA-Italia se l’Unione Europea dovesse cessare di esistere. “

Trackbacks

  1. Vogliamoci bene – il Presidente Monti e il Ministro Terzi vanno a Washington- Rivistaeuropea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...