Skip to content

In Virginia, una pistola al giorno leva il medico di torno

06/02/2012

Il Senato statale della Virginia ha votato lunedì a favore di una proposta di legge per abolire il tetto massimo imposto sugli acquisti di armi da fuoco. Per 19 anni, infatti, i cittadini dello stato non hanno potuto comprarne più di una al mese.

D’ora in avanti, però, grazie al fatto che i repubblicani controllano la Camera, il Senato e l’ufficio del governatore, il limite non sarà più in vigore (la Camera ha già approvato la propria versione del disegno di legge e il Governatore Robert McDonnell ha dichiarato di aver intenzione di firmare il tutto).

Si tratta di una grossa vittoria per la lobby delle armi di Richmond, che da anni spinge per addolcire le leggi che regolano la vendita di pistole e fucili, ma i cui tentativi sono stati spesso bloccati dal Senato, che in Virginia è stato, fino a pochissimo tempo fa, a maggioranza democratica.

Fra gli altri tentativi in corso, con più o meno successo, quello di garantire a studenti e professori universitari il diritto di essere armati anche quando si trovano all’interno dei campus (tanto perchè non abbiamo appreso nulla dalla tragedia di Virginia Tech del 2007, quando un ragazzo instabile e ben armato ha ucciso 32 persone a colpi di pistola prima di suicidarsi) e di permettere ai dipendenti pubblici di tenere armi da fuoco e munizioni nelle proprie macchine parcheggiate mentre si recano al lavoro.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...