Skip to content

Da leggere: Ferrovie e autostrade, una retrospettiva sulle grandi infrastrutture americane

18/07/2011

Mentre si discute, almeno in casa democratica, dell’istituzione di una national infrastructure bank che rilanci la costruzione e la manutenzione delle infrastrutture americane oggi in declino, escono due libri che guardano indietro a due momenti fondamentali per l’ingresso del paese nella modernità, ovvero la costruzione delle linee ferroviarie transcontinentali e dell’Interstate Highway System.

Lo storico di Stanford University Richard White rivisita l’era della grande espansione della ferrovia, riproiettando le vicende dei suoi grandi magnati in luce tutt’altro che positiva, nel libro “Railroaded: the Transcontinentals and the Making of Modern America”. Il volume guarda alla diffusa corruzione di pubblici ufficiali, ai tagli alle misure di sicurezza e alla competizione selvaggia come a pezzi di quell’eredità che, assieme ai binari ferroviari, quegli anni hanno lasciato agli Stati Uniti d’oggi.

Il giornalista Earl Swift invece si concentra, nel libro “The Big Roads: the Untold Story of the Engineers, Visionaries and Trailblazers who Created the American Superhighways”,  sui pionieri che spinsero la costruzione del sistema di autostrade che, a partire dalla fine degli anni cinquanta, ha consentito agli americani di viaggiare rapidamente da un punto all’altro del paese, trasformando l’avventura “sulla strada” in abitudine prevedibile e sicura.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...