Skip to content

L’anti-terrorismo di Obama

30/06/2011

Il Washington Post riporta giovedì di un attacco portato la settimana scorsa via aerei drone, ovvero pilotati a distanza, dalle forze armate americane contro due leader di organizzazioni militanti affiliate con al Qaeda in Somalia.

La Somalia diventa così almeno il sesto paese, dopo Afganistan, Pakistan, Libia, Iraq e Yemen, in cui gli Stati Uniti adoperano i drone nella lotta al terrorismo internazionale.

Sempre giovedì John Brennan, l’adviser del Presidente Obama per l’anti-terrorismo, ha presentato la nuova strategia americana contro al Qaeda, confermando che raid di precisione e di aerei drone, condotti con la massima segretezza, piuttosto che vere e proprie invasioni in stile Iraq e Afghanistan, diventano di qui in avanti il metodo preferito dagli americani per combattere il terrorismo.

Non solo, Brennan ha precisato che l’anti-terrorismo dell’Amministrazione Obama è oggi concentrato esclusivamente sulle attività di al Qaeda e alla minaccia che queste pongono alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e non è pensato “per combattere direttamente ogni singola organizzazione terrorista in ogni angolo del mondo”.

Ad oggi, al Qaeda in the Arabian Peninsula, il gruppo attivo in Yemen, sarebbe il più attivo e pericoloso al mondo.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...