Skip to content

Si complicano le relazioni USA – Pakistan

09/05/2011

UPDATE: Pare che ora che le autorità del Pakistan abbiano annunciato ai colleghi americani l’intenzione di concedergli l’accesso alle tre mogli di bin Laden.

———————————

Dopo l’uccisione di Osama bin Laden nel suo compound di Abbottabad, Pakistan, culmine di una missione condotta dalle forze speciali americane per ordine del Presidente Barack Obama senza che le autorità pakistane ne fossero avvertite, le relazioni bilaterali tra Washington e Islamabad sembrano peggiorare di secondo in secondo.

Per gli americani, il fatto che bin Laden si fosse nascosto per almeno cinque anni in una residenza fortificata a due passi dalla più prestigiosa accademia militare del paese e da una serie di basi dell’esercito solleva ulteriori dubbi sulla complicità del governo pakistano stesso, probabilmente i servizi segreti dell’ISI, nella lunga clandestinità di bin Laden.

Il Pakistan, che nega le accuse e si mostra oltraggiato, pare deciso a vendicarsi. Per ora si sta rifiutando di concedere agli americani di interrogare le mogli di bin Laden che si trovavano nel compound di Abbottabad durante il raid di domenica 1 maggio e che, lasciate indietro dal commando americano, sono ora in mano delle autorità pakistane.

Lunedì inoltre, grazie a quella che gli Stati Uniti sono convinti sia stata una soffiata dei servizi segreti pakistani, una stazione televisiva privata, ARY, ha reso noto il nome (per ora non ripreso dai media americani) del capo della sezione della CIA di Islamabad.

La vicenda, insomma, sta prendendo una piega davvero preoccupante.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...