Skip to content

Deludente panorama di candidati GOP per il 2012

22/03/2011

L’ex-governatore del Minnesota Tim Pawlenty è il primo repubblicano a entrare ufficialmente in gara per le presidenziali 2012.

In un messaggio su Facebook, Pawlenty ha annunciato la creazione di un “comitato presidenziale esplorativo”, ovvero un’entità registrata con la Federal Election Commission con il fine di raccogliere fondi e di verificare la solidità di una eventuale candidatura. Un annuncio della candidatura vera e propria è atteso tra qualche settimana.

Nel messaggio agli elettori, Pawlenty ha scelto di fare propria la retorica patriottica che ha reso il Tea Party il fenomeno politico del 2010. “Questo paese è stato fondato sulla libertà”, ha detto Pawlenty. “Noi, il popolo degli Stati Uniti riprenderemo il controllo del nostro governo. Questo è il nostro paese. I nostri padri fondatori lo hanno creato. Gli Americani lo hanno fatto proprio. Ronald Reagan lo ha personificato e Lincoln lo ha difeso coraggiosamente. Insieme, ridaremo forza all’America”.

Per Pawlenty si tratta, innanzitutto, di farsi conoscere. In un recente sondaggio del Washington Post/ABC News, il 60% dei repubblicani intervistati ha dichiarato di non avere un’opinione precisa sull’ex-governatore.

Intanto, il Governatore del Mississippi Haley Barbour, nonostante i tanti, evidenti “difetti” presidenziali, che dovrebbero renderlo un candidato alla Casa Bianca quantomeno improbabile (ex-lobbista per le industrie del tabacco e del petrolio, a capo di uno stato, il Mississippi, che è sempre in fondo a tutte le classifiche nazionali sugli standard di vita, sudista che non sembra per nulla imbarazzato dal passato confederato del proprio stato e che inciampa spesso in gaffe imbarazzanti su questioni razziali e diritti civili), continua a considerare seriamente la possibilità di candidarsi nelle primarie repubblicane per le presidenziali 2012.

La forza di Barbour, secondo il Washington Post, sta nel network straordinario di conoscenze e amicizie politiche in tutto il paese e nell’inesauribile abilità di raccogliere fondi.

Anche Sarah Palin, dopo qualche settimana di quasi silenzio, torna a farsi vedere, con un viaggio all’estero che, si pensa, sia stato organizzato per rafforzare le, scarse, credenziali in politica estera dell’ex-governatore dell’Alaska. Palin ha prima visitato l’India e poi Israele, dove ha incontrato il Primo Ministro Benjamin Netanyahu. Palin, che si è recata al Muro del Pianto, non ha invece visitato né la Moschea Al Aqsa né la West Bank e i territori palestinesi, facendo retromarcia a un check-point israeliano.

Si cominciano a delineare, così, i contorni delle primarie repubblicane dell’anno prossimo. Per l’Associated Press, però, un’analisi della lista di probabili candidati del GOP rivela un fatto ineludibile. Nessuno dei nomi fatti fin qui può essere davvero considerato un candidato forte. Mitt Romney, da governatore del Massachusetts, ha approvato una riforma sanitaria troppo simile all’Obamacare odiatissima dalla base repubblicana. Newt Gingrich, che vorrebbe conquistare il voto dei cristiani evangelici e ultra conservatori, è alla terza moglie e un noto adultero. John Huntsman ha lavorato come ambasciatore per il Presidente Obama. E via dicendo.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Massimo permalink
    19/06/2011 07:23

    Ci vuole veramente coraggio a definire “deludente” il panorama dei candidati Repubblicani considerando la presenza di Ron Paul,l’unico che negli ultimi 20 anni ha capito i meccanismi economici e politici che hanno indebolito così enormemente l’America e l’unico che merita di diventare presidente degli Stati Uniti. Valentina le suggerisco di educarsi al personaggio perchè vedo che il suo articolo è il tipico scritto copia ed incolla che i mainstream diffondono per lavare il cervello alla gente. Saluti

    • Valentina Pasquali permalink
      19/06/2011 20:46

      Caro Massimo,
      Non ci sono dubbi che Ron Paul ha molti convinti sostenitori. Rimane pero’ difficile immaginare che possa vincere la nomination repubblicana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...