Skip to content

Sui candidati repubblicani alle presidenziali 2012

16/02/2011

Ecco qualche approfondimento su tre dei potenziali candidati nelle primarie repubblicane del 2012.

A questo link, il Washington Post analizza l’incredibile abilità nel settore della raccolta fondi dimostrata fin qui dall’ex Speaker of the House Newt Gingrich. Gingrich ha ottenuto più contributi finanziari di Mitt Romney, Sarah Palin e qualsiasi altro potenziale candidato repubblicano. Ma il suo approccio estremamente aggressivo alla raccolta fondi, e qualche problema avuto in passato con i finanziamenti politici, potrebbero costargli caro durante le primarie di partito, e ancora di più in un eventuale scontro con il Presidente Obama.

Qui, la National Review Online, rivista di stampo conservatore, pubblica un profilo piuttosto positivo di John Thune, giovane Senatore repubblicano del South Dakota, che potrebbe decidere presto se entrare o meno nell’arena delle primarie GOP. Il problema principale per Thune consisterebbe sicuramente nella sua relativa anonimità a livello nazionale e in un paio di voti, sul bailout di Wall Street ad esempio, che non piacciono ai conservatori in stile Tea Party. Imporsi dunque nelle primarie di partito potrebbe rivelarsi difficile per Thune. Ma in un eventuale confronto diretto con il Presidente Obama nelle elezioni generali, il suo volto giovane e fresco, che ne fa un po’ l’Obama della destra, potrebbe essere una carta vincente.

Di questi tempi, però, l’attenzione è tutta concentrata sul governatore dell’Indiana Mitch Daniels, che si conquista addirittura un pezzo sul britannico Telegraph, affascinato dal messaggio duro, diretto e chiaro scelto da Daniels, di austerità economica e fiscale. Per Toby Harnden,  se Daniels dovesse davvero decidere di candidarsi, la sua avventura potrebbe finire solo in due modi, agli estremi. Conquistare tutti, oppure, dato il messaggio poco allegro e il rifiuto di trattare di questioni sociali care alla destra evangelica, finire rapidamente nel nulla. Jennifer Rubin sul Washington Post pare convinta più della seconda eventualità che della prima.

Annunci
One Comment leave one →
  1. 16/02/2011 10:06

    GRazie per il puntuale aggiornamento e complimenti per l’iniziativa. Un blog di approfondimento così curato è un piacere consultarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...