Skip to content

Soldi, sempre soldi: i misteri dei finanziamenti privati alla politica americana

07/02/2011

Escono oggi una serie di analisi sulla questione della raccolta fondi in campagna elettorale e dei finanziamenti ai candidati e politici americani provenienti dal settore privato, in particolare in casa repubblicana.

A questo link, Politico Live 2012 inaugura una nuova serie, dedicata agli attori politici più influenti nel settore del finanziamento delle campagne elettorali, con un pezzo su Haley Barbour, governatore del Mississippi e presidente della Republican Governors Association. Barbour è considerato uno dei più formidabili fund-raiser del GOP e Politico ci spiega il funzionamento della sua macchina per far soldi.

Qui, invece, il Los Angeles Times si concentra sulla accresciuta centralità dei fratelli Koch, magnati dell’industria petrolchimica e fra gli uomini più ricchi degli Stati Uniti, sulla scena politica repubblicana. Noti per la filosofia politica estremamente conservatrice, i fratelli Koch sono rimasti a lungo degli outsider del GOP, spesso in diretta opposizione alle politiche mainstream del partito. Oggi, data la virata a destra dei repubblicani, i Koch si sono trasformati invece in finanziatori estremamente potenti e influenti, grazie in particolare alle attività di Americans for Prosperity, l’organizzazione politica indipendente da loro creata. Il settore a cui i Koch dedicano maggior attenzione è, non a caso, quello dell’energia. E infatti, i due fratelli stanno tessendo una trama di fitte relazioni con l’House Energy and Commerce Committee, grazie a una serie di contributi finanziari alle campagne elettorali e alle organizzazioni politiche dei membri repubblicani di questa commissione.

Infine, il Washington Post analizza a questo link un trend, forse sorprendente, fatto di continui contributi finanziari dell’industria medico-sanitaria ai membri del Congresso che si occupano dell’implementazione della riforma approvata l’anno scorso e in generale della gestione di questo settore. Il che significa, al contrario di quello che si potrebbe pensare, che in molti considerano la battaglia sulla sanità ancora aperta e ritengono valga ancora la pena pagare nella speranza di influenzare futuri sviluppi.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...