Skip to content

Notizie buone e cattive per l’economia americana

02/12/2010

UPDATE: Ancor peggiori del previsto i dati sull’occupazione a novembre pubblicati questa mattina. L’economia americana ha creato solo 39.000 nuovi posti di lavoro, lasciando che il tasso di disoccupazione salisse al 9,8%. In totale, 15,1 milioni di americani erano disoccupati durante il mese di novembre.

Economisti e osservatori prevedono che il rapporto mensile del Ministero del Lavoro sull’impiego in uscita venerdì registrerà, per il mese di novembre, un tasso di disoccupazione che rimane fisso sul 9,6%. Si tratterebbe del 19mo mese consecutivo in cui questo dato supera il 9%, un record storico che non si vedeva dagli anni subito successivi alla fine della seconda guerra mondiale e che supera, dunque, il precedente record raggiunto negli anni ottanta.

Intanto però Mike Allen di Playbook riporta, via Morning Money, le conclusioni del più recente studio di Goldman Sachs US Economics Group che segnala una ripresa dell’economia americana migliore di quanto previsto fin qui. Dall’analisi di sei pagine:

The US growth outlook has brightened significantly in recent weeks. As a result, we have raised our sights for 2011, calling for real GDP growth to average 2.7% for the year versus 2.0% previously. We expect growth to pick up further in 2012-to 3.6% on average for the year … The main reason: recent data reveal a firmer trend in domestic final demand and suggest that it will be sustained via improvements in net hiring and credit availability. Meanwhile, the downside risk of a material tightening in federal fiscal policy-i.e., failure to extend expiring tax cuts-has diminished significantly.

Infine, continua a ruotare senza soluzione di continuità la magica revolving door della politica americana, la quale consente a pubblici ufficiali di andare avanti indietro tra Congresso e Casa Bianca e il settore privato (spesso nei campi dell’alta finanza e del lobbying). Secondo il Financial Times, Peter Orszag, che è stato, fino alle dimissioni di questa estate, il Direttore dell’Office of Management and Budget dell’Amministrazione Obama, sarebbe in discussioni per un lavoro di alto livello presso Citigroup.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...