Skip to content

Le elezioni per Sarah Palin

03/11/2010

Lanciatasi senza riserve dalla sua vetrina televisiva su Fox News nella mischia elettorale delle midterm 2010, Sarah Palin, che si pensa stia tramando una possibile candidatura per le presidenziali 2012, emerge dal voto di ieri con risultati misti.

Successi importanti per Palin in New Hampshire, dove la candidata repubblicana Kelly Ayotte, sostenuta sin dall’inizio della campagna, ha vinto l’elezione ed è diventata la nuova senatrice dello Stato, e in New Mexico, dove la repubblicana Susana Martinez è diventata la prima governatrice donna ispanica del paese (da tenere d’occhio l’emergere di una serie di politici repubblicani promettenti e di origini ispaniche, oltre a Martinez anche il nuovo senatore dalla Florida Marco Rubio, in un periodo storico in cui il voto ispanico diventa sempre più importante).

Sconfitte dolorose sono arrivate, però, per Palin, dal Delaware, dove il democratico Chris Coons ha battuto Christine O’Donell, e dal Navada, dove Harry Reid è sopravvissuto alla battaglia con Sharron Angle.

In tutto, Palin aveva ufficialmente sostenuto la candidatura di 11 repubblicani in corsa per il Senato. Di questi, sei hanno vinto : John McCain in Arizona, John Boozman in Arkansas, Rand Paul in Kentucky,  Pat Toomey in Pennsylvania, Kelly Ayotte in New Hampshire e Marco Rubio in Florida. Quattro sono invece stati sconfitti: Sharron Angle in Nevada,  Carly Fiorina in California, John Raese in West Virginia and Christine O’Donnell in Delaware (a questa lista va probabilmente aggiunto il nome di Joe Miller, candidato del Tea Party nella natia Alaska di Palin, che sembra molto indietro nello spoglio dei voti rispetto alla Senatrice repubblicana in carica Lisa Murkowski, da lui battuta nelle primarie di partito, ma che ha comunque deciso di correre da sola).

Tra i governatori, Palin aveva sostenuto otto candidature di cui solo due sono risultate in sconfitte. Tra i vincitori Susana Martinez in New Mexico, Rick Perry in Texas, Mary Fallin in Oklahoma e Nikki Haley in South Carolina (le prime governatrici donne nella storia dei rispettivi stati).

Alla Camera, dei 28 candidati appoggiati da Palin 16 hanno vinto, otto sono stati sconfitti e di quattro si attende ancora di conoscere il destino.

Si tratta di buoni risultati (difficile a dirsi quanto siano essi dovuti a Palin e quanto a un clima elettorale generalmente favorevole ai repubblicani), ma comunque non del trionfo in cui forse confidava Palin. E sono risultati che lasciano tutte le porte aperte: gli Americani non hanno mostrato di pendere dalle labbra di Palin e di attendere disperatamente che la ex-governatrice dell’Alaska si candidi alla Casa Bianca (la maggioranza dell’elettorato continua a considerarla assolutamente impreparata per il mestiere di presidente). Allo stesso tempo è vero che esiste una base adorante e una nuova ondata di politici eletti al Congresso che potrebbero desiderare una mossa in direzione presidenziale da parte di Palin.

I democratici paiono quasi augurarsi questa possibilità, convinti che, tra i candidati repubblicani, Palin sarebbe una delle prede più facili per Barack Obama. Bisogna però tenere l’ottimismo sotto controllo, per due ragioni. Da un lato, la stessa cosa veniva detta dai democratici di Jimmy Carter rispetto alla candidatura di quell’estremista, incompetente di Ronald Reagan, il quale ha finito per sbattere Carter fuori dalla Casa Bianca dopo un solo mandato per rimanervi lui otto anni. Dall’altro, come scrive il New York Magazine, una candidatura di Palin per il GOP alla presidenza 2012 potrebbe suscitare l’indignazione di molti moderati e provocare la candidatura simultanea da indipendente del sindaco di New York Michael Bloomberg, il quale finirebbe per dividersi i voti degli indipendenti con Obama, regalando la Casa Bianca a Palin.

Possibile? Forse. Di sicuro è ancora troppo presto per dire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...